Official Networks
Official Twitter
Seguite Beatriz su @EsBatrizLuengo
Photogallery
Official Instagram
19
Ott
2012
Beatriz ospite a SoiTv (Video + Foto)
Beatriz ieri è stata ospite del programma Guarever Tudei su “SoiTv”. Il video dell’intervista è stato pubblicato sul canale YouTube del programma.



Le prime foto apparse in rete sono state invece aggiunte nella gallery del sito.

Commenti : 0 • Categorie: Apparizioni tvBeatrizBelaFotoIntervisteVideo • Scritto da: Jessica

17
Ott
2012
Beatriz ospite a “Desayuno Musical”
Beatriz oggi è stata ospite nel programma “Desayuno Musical” su CNN. Le immagini sono state caricate nella gallery del sito.

Commenti : 0 • Categorie: BeatrizBelaFotoInterviste • Scritto da: Jessica

27
Lug
2012
Promozione di Beatriz in Cile
Beatriz il 27, 28 e 29 Giugno è stata in Cile per promuovere l’album “Bela y sus moskitas muertas”. Durante questi tre giorni ha tenuto uno incontro con il suo fanclub ufficiale cileno e alcune interviste radiofoniche.

 Incontro Hotel Intercontinentale di Santiago.


Intervista a radio Los 40 Principales con esibizione live del singolo “Lengua” e “Como tu no hay 2”.


Intervista ne programma “Zona de Estrellas”.

Commenti : 0 • Categorie: AudioBeatrizBelaConcertiFotoIntervisteVideo • Scritto da: Jessica

24
Apr
2012
Latin Billboard 2012
Beatriz ieri è stata l’ospite d’onore all’evento Billboard Latin Music. La manifestazione celebrava le donne all’interno dell’industria musicale.Le foto dell’ospitata sono state pubblicate su twitter e aggiunte nella gallery del sito.

150707_352331648156734_262395400483693_993679_1794061944_n.jpg535308_352331714823394_262395400483693_993681_1535537185_n.jpg574629_10150766680094222_155149114221_9269797_1298392048_n.jpgArL1e0iCQAA-Slf.jpgArLmO6XCMAALpb2.jpgybrzs.jpg

 Il singolo Ley De Newton di Beatriz feat Jesus Navarro è nella top 20 Latin Pop Songs di Billboard.

Commenti : 0 • Categorie: BelaFotoInterviste • Scritto da: Jessica

12
Mar
2012
Intervista The Social Revolución
Beatriz si trova oggi ad Austin (Texas) per l’evento “The Social Revolucion”. Per l’occasione è stata intervistata da Carmen Lopez.

Commenti : 0 • Categorie: BelaIntervisteVideo • Scritto da: Jessica

22
Feb
2012
10 Domande: Beatriz Luengo
Il sito di BMI ha pubblicato un intervista alla nostra Beatriz.

Traduzione italiana © Beatriz Luengo Italia

Beatriz Luengo è cresciuta sul palco, cantando e ballando in una varietà di luoghi tra cui il circo. Nella sua nativa Spagna, la cantante / cantautrice è nota per la sua carriera nel cinema e in televisione, nonché per la sua musica. La Luengo ora risiede a Miami, dove sta riscuotendo il plauso della critica per il suo quarto album, Bela y sus Moskitas Muertas, un’allegra collezione di canzoni pop e reggae che riflettono il suo stato d’animo attuale.

1. “Moskitas Muertas” è un proverbio spagnolo che significa timido e introverso. Chi sono Bela e le sue “moskitas muertas”, e perché lei è il tuo alter ego?
Per questo mio quarto album ho voluto essere un alter ego. Nei miei album precedenti sono sempre stata una cantautrice un po’ malinconica e triste. Ho sempre scritto sul dolore e le cose cattive. Quattro anni fa ho avuto una situazione nella mia vita che è stata molto intensa e ho sentito la necessità di dare al mondo un messaggio più positivo e più felice. Così ho fatto alcune copertine che erano più ottimiste, scrivendo in un modo fantastico e in cerca di doppi sensi, giocando con le parole e i proverbi in spagnolo, con sarcasmo. E’ stata una tappa per me personalmente, e anche per il mio songwriting. Così ho deciso di liberarmi da tutto ciò che ero e dal modo in cui scrivevo canzoni e ho scritto Bela come fosse il mio alter ego. Bela è come la vocina che mi dice di essere un po’ più “piccante” [ride], un po’ più avventuroso, scrivere di cose che non avevo scritto mai prima, e in tal modo sbarazzarsi delle “moskitas” che mi stavano mangiando.

2. Il tuo ultimo album vanta molte collaborazioni musicali, tra cui una con Ziggy Marley, e la tua musica in generale combina più stili, dal flamenco al R&B al pop. Ciò significa che ti ispiri a una varietà di sound?
Questo album è stato ispirato dalla Giamaica, dove ho iniziato a fare l’album, e dagli stili di ska, reggae, folk, caraibici. Quindi sì, mi ispiro alle varietà. Sono cresciuta in un circo ed ero sempre circondata dalla musica e dalla fusione di stili. Ad esempio, nel circo in cui ho lavorato, abbiamo avuto un sacco di zingari rumeni, che sono molto diverse dagli zingari spagnoli e flamenchi, ma sono cresciuta ascoltando la musica di entrambi. Ho anche ascoltato Bob Marley quando ero giovane. E, per esempio, nella mia mente non c’è nulla di più importante della musica di Lola Flores. Io non sono cresciuta solo in Spagna. Ho viaggiato in tutta Europa, acquisendo diversi stili musicali in modo molto naturale e non forzato. Quindi mi sento molto libera nel songwriting e nel fare musica.

3. Nella tua versione spagnola acustica di “Use somebody” dei Kings of Leon, hai reso una canzone triste in un’altra più dolce e divertente. Perché hai deciso di inciderla?
Questa canzone è nata in un modo molto naturale. Adoro i Kings of Leon, e non avrei mai immaginato di fare una cover di una delle loro canzoni. Ma un giorno ero sulla spiaggia con una chitarra e ho cominciato a suonare un accordo e poi ho cantato questa melodia e ho detto: “Cos’è? È già una canzone. È la melodia di ‘Use Somebody ‘”. Sono tornata a casa e non ho potuto togliere quella canzone dalla mia mente. Ho scritto una canzone diversa, perché non è mai stata mia intenzione quella di tradurla. La mia è una cover su un amore non corrisposto, un amore che si compone come una bugia che la ragazza dice a se stessa. Qualcuno mi ha suggerito di registrare in uno studio per essere più professionale, ma in studio avrebbe perso la sua naturalezza. Non è una canzone ambiziosa o una versione ambiziosa. Non è un singolo per la promozione o uno strumento di marketing, ma un regalo a me stessa, qualcosa che è venuto fuori naturalmente. È la prima cover approvata dalla band.

4. La top 3 dei tuoi album preferiti?
The Miseducation of Lauryn Hill (1998), CrazySexyCool, TLC (1994) e ¿Dónde Jugarán las Niñas?, Molotov (1997).

5. Film preferito?
La Vie en Rose, con Marion Cotillard nei panni di Edith Piaf.

6. Che cosa ti spingere a scrivere in musica?
Scrivo tutti i giorni, ma non afferro mai la chitarra e dico: ‘Ok, ora scrivo una canzone.’ Scrivo della mia vita e delle cose di tutti i giorni che mi ispirano. Per esempio, vado dal parrucchiere e leggo una rivista e con le ragazze del salone stiamo parlando delle Kardashian e di Jennifer Lopez… questo mi ha fatto scrivere la canzone “Chicas de Revistas” (dal nuovo album). Ciò che non mi piace è quello di cercare e trovare ispirazione per scrivere racchiusa tra quattro mura. Mi piace trovare ispirazione nella mia vita normale, sulla mia bici, al supermercato, dal parrucchiere o parlando con un amico. E poi la notte faccio il lavoro per cercare di arrivare a un concetto, per trovare la struttura, un accordo, un versetto in base alle cose che ho notato durante il giorno.

7. Che consiglio daresti ai cantautori alle prime armi?
Di guardare il modo in cui la musica è oggi, nel 2012, direi di cercare il loro sound non solo con la chitarra tra le mani, di non avere paura di sperimentare con battute o con altri tipi di suoni più elettronici o moderni. Di provare i suoni che sono attuali e sperimentare con la loro.

8. Qual è il tuo posto preferitop per ascoltare musica dal vivo?
Per ascoltare la musica, amo il Fillmore di Miami. Per gli spettacoli, io davvero non ho un posto speciale in cui mi piace fare performance. Per me, la cosa importante è la gente che è davanti a me.

9. Perchè hai scelto BMI?
Per il loro supporto ai nuovi artisti. Sin dal primo giorno in cui sono arrivata negli Usa, prima di firmare per la Sony, Marissa della BMI di Los Angeles aveva ascoltato i miei demo e si era subito messa in contatto con I produttori ad Atlanta per aiutarmi perchè a lei è sempre piaciuta la mia musica. Questo significò molto per me. È facile quando sei grande e tutti vogliono aiutarti, ma quando sei ancora un principiante, è bello avere quell tipo di supporto.

10. Qual è il momento più memorabile come artista? 
A Parigi nel 2008, stavo cantando di fronte agli Champs-Elysees nel Festival della Musica con 50.000 persone per strada. Ero l’unica artista latina, e quando sono salita sul palco e il giornalista che mi presentava ha detto “And now Beatriz…” e le 50.000 persone hanno terminato la frase “Luengo!”. Quello è stato il momento più importante della mia vita.

Commenti : 0 • Categorie: BelaIntervisteTesto • Scritto da: Jessica

15
Feb
2012
Intervista di Beatriz per MUN2 TV

Beatriz ha rilasciato una intervista per il sito online “Mun2 Tv”.

Traduzione italiana © Beatriz Luengo Italia

Bellissima e con talento: Beatriz Luengo parla della sua vita in un circo, dell’aiuto dato ai suoi genitori e del suo lavoro con Yotuel

– Come ti sei avvicinata alla musica? 

Ho iniziato a cantare, recitare e ballare in un circo quando avevo 9 anni. Dall’inizio ho amato la sensazione di intrattenere la gente ed oggi è ciò che più mi piace fare. Le mie performance si mescolano a piccole recite che preparano la gente a ciò che accadrà nel giro di qualche minuto. Mi piace il sarcasmo. Uso degli oggetti di scena, come Mr. Bigotes (Sig. Baffi) che è il mio gangsta-rap in persona. Mi metto dei baffi durante la performance e mi rispondo da sola. Uso la musica per cantare la vita e le situazioni quotidiane che drammaticamente ci influenzano e cerco di rigirarle come divertenti. Como Tú No Hay 2 è la mia ironica ode alla vita delle “principesse” che sono stanche di baciare rane senza nessuna sorpresa. “Chicas de Revista” è un’analisi sarcastica del mondo degli annunci di bellezza. 


– Chi sono le tue più grandi influenze musicali? 

Bob Marley, Lauryn Hill, Ms Dinamite, Orishas, Molotov, Lola Flores… ci sono tantissimi artisti he mi ispirano! Quelli che rischiano qualsiasi cosa, i coraggiosi, maschi e femmine. 


– Com’è nata la tua collaborazione con Yotuel? 

A Parigi, in un piccolo club con un DJ, una cassa, una chitarra e io che facevo le percussioni su una tavola di legno con le mie scarpe con le mie unghie lunghe dentro. Facevamo dei beats al momento con loops, Yotuel faceva rap ed io cantavo. Ecco com’è iniziato tutto. Dopo sei mesi eravamo al numero uno nelle stazioni radio cantando “Hit Lerele” in spagnolo. 


– Ora ti senti una latinoamericana? 

Mi sento davvero una latina. E mi considero anche una “manoush,” che è una parola francese che significa “zingara”. Sono una zingara latina con una carrozza piena di sound che conosce la sua strada ma che non sa cosa siano gli stranieri. Con un sacco d’amore ho imparato un sacco dalla musica latinoamericana, e mi sento come una bimba con le scarpe nuove. Sono grata alla vita perché mi ha portato in tanti posti. 


– Qual è il tuo più grande sogno realizzato oggi?

Il poter aiutare la mia famiglia. Con il mio primo lavoro importante ho aiutato mio padre ad aprire un magazzino, e mia madre una scuola di danza. Ogni volta che sono lontana da loro cerco nuovi risultati e scopi e penso a come aiutarli ancora di più. I miei genitori sono stati il mio più grande esempio di sacrificio e fatica. E io li penso ogni giorno per poter andare avanti. 


– Qual è il tuo più grande rammarico?

Essere lontanissima da loro e perdermi dei momenti importanti. Pensare che qualcosa possa accadere e non poter essere stata con loro abbastanza, è questo che mi rattrista molto. 


– Che consigli vorresti dare alla gente che cerca di entrare nel business della musica? 

Il mio più grande consiglio è di essere rischiosi, onesti e diversi, e di trovare uno staff di persone che credono in ciò che fai. Uno dei miei migliori amici dice sempre “Se vuoi fare in fretta, devi andare avanti da solo. Se vuoi fare bene, devi andare avanti in squadra.”


– Hai mai sentito parlare del Dream Act? Che ne pensi?

E ‘molto triste che il sistema di istruzione vieti agli studenti che hanno completato la scuola superiore qui di andare al college. Penso, allo stesso modo, che gli afro-americani abbiano ottenuto così tanto, e i latinoamericani otterranno delle migliori situazioni. L’educazione non può essere limitata.
Un paese che avanza lo fa grazie alla preparazione dei suoi cittadini, e gli studenti in particolare hanno la motivazione di prepararsi perché sanno molto bene quanto sia importante sia per le loro famiglie che ricevano una forte preparazione. Le loro famiglie si sono sacrificate per loro affinchè potessero ricevere una buona educazione. Gli studenti latinoamericani sono ben consapevoli di questo e vogliono abbracciare il futuro con denti e unghie. Per avvantaggiare l’intero paese.


– Cos’è più importante: capire o essere capita?

Capire. Se non capisci, è difficile essere capita. Preferisco ascoltare la gente piuttosto che parlare io. Mi piace imparare, ogni giorno posso migliorare me stessa.

FONTE: MUN2 TV

 

Commenti : 0 • Categorie: BelaIntervisteTesto • Scritto da: Jessica

03
Feb
2012
Intervista BMI + Nuova collaborazione
Il sito internet “En La Escena” ha pubblicato sul proprio canale video di YouTube un reportage con annessa intervista realizzata durante lo showcase di Beatriz al BMI center di New York lo scorso 25 gennaio.

Attraverso la pagina ufficiale di Twitter Beatriz annuncia una nuova ed importante collaborazione musicale con il cantante Michael Franti.

“Working in a featuring with Michael Franti!!! I’m very happy!”

Infine vi annunciamo ufficialmente che un nuovo traguardo è stato raggiunto. Il videoclip del singolo “Como tu no hay 2” ha superato i 3 milioni di visualizzazioni.
Commenti : 0 • Categorie: BelaInformazioniIntervisteVideo • Scritto da: Jessica

20
Dic
2011
Intervista Teleganés + Articolo TeleMundo52
Il sito di “Teleganés” ha pubblicato sul proprio canale YouTube un video girato al concerto “Lo mejor de aqui y de alli” tenutosi il 28  ottobre al Palazzo dello sport di Madrid. All’evento era presente anche Beatriz e la breve intervista a lei realizzata parte dal minuto 0.25

Il sito “TeleMundo 52” ha dedicato un breve articolo con relativo video di presentazione per Beatriz.

(traduzione italiana, © Beatriz Luengo Italia)

La formula musicale di Beatriz Luengo

La spagnola Beatriz Luengo, una delle cantanti più note in Europa, ora punta lo sguardo su America Latina e Stati Uniti.

Fonte: TELEMUNDO 52

Commenti : 0 • Categorie: ArticoliBelaIntervisteVideo • Scritto da: Jessica

15
Dic
2011
Il Natale ´in crisi´ di Beatriz Luengo
Beatriz è stata intervista da “Univision”. In questa intervista racconta cosa rappresenta per lei il Natale e di come è nata l’idea di realizzare la canzone “Santa en Crisis”.


Commenti : 0 • Categorie: BelaIntervisteVideo • Scritto da: Jessica